Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Cella di Joe’

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/s52EDO2pbrw" width="425" height="350" wmode="transparent" /]


Per capire pienamente questo post consiglio mano a mano che leggete di andarvi a vedere le note a fondo pagina.
1)
Sei sicuro di stare bene? Cosi’ mi disse mio fratello quando gli parlai della cella di Joe. 2)Certo che sto’ bene, prova ad aprire la mente, spazza via i preconcetti e vedrai che questa cosa puo’ essere possibile. 3) Mi guardo’ intensamente, poi scosse la testa , si infilo’ il casco, una botta decisa al pedale d’ accensione della moto, giro’ il mezzo e spari’ in una nuvola di fumo.
4)
La cella di Joe , la cella di Joe. Non ero pazzo, forse lo sono adesso, o lo diventero’ con il tempo, ma quando la cella ad acqua comincio’ a scoppiettare presi a saltellare per la casa gridando EUREKA ! EUREKA ! 5) Con il viso e le mani sporche del sedimendo esploso. In quel momento mi sentivo Alessandro Volta l’ inventore della pila.
6)
Invece l’esperimento si areno’. Prima le difficolta’ a trovare un motore adatto alla prova, poi la mancanza cronica di fondi per portare avanti l’ esperimento, in seguito l’ interesse che si spostava verso altri dispositivi dall’ efficacia piu’ immediata, concorsero a far si’ che la cella rimanesse per mesi in un angolo della veranda, coperta da stracci, con l’ alimentazione che nell’ ultimo inverno non venne mai collegata.
7)
A primavera sembrava morta, con mio grande senso di colpa. Presi una batteria nuova per alimentarla, niente. Non si formavano piu’ le bolle. Eppure l’ acqua, sedimenti sul fondo a parte, era pulita, ed inoltre non puzzava affatto, come era naturale che fosse per un litro di acqua lasciato all’ aperto per due anni. Il fatto che la cella non fosse piu’ funzionante mi confermo’ una cosa letta nel manuale di costruzione : la cella di Joe è energia VIVA. 8 Ad un certo punto mi si accese una lampadina ( vidi proprio materialmente la lampadina che si accendeva sulla mia testa!). Misi a fianco della cella due potenti strumenti inventati da Pier Luigi Ighina , costruiti e commercializzati da me (un po’ di pubblicita’ non fa’ MAI MALE ).9) Dopo quindici minuti cominciarono a riapparire le prime, minuscole, adorate , bollicine di energia. 10)E.R.I.M. Ed Elios avevano in qualche modo unito le loro potenze,inviandole a della cella le avevano fornito l’ imput necessario a riprendersi, riportandola allo stadio vitale che altrimenti non sarebbe mai stato possibile. Trovero’ quei caspita di quattro soldi, un caspita di garage attrezzato, e provero’ a far partire sto’ caspita di motore ad acqua.
Se ne vuoi sapere di piu’ delle mie avventure con la cella, se non sai che caspita è una cella di Joe, insomma, se….clicca qui\’

1)In questo esordio l’ autore vuole spiegare che quando si sparano cacchiate di un certo calibro persino un fratello puo’ benissimo girarti le spalle.
2)Ma Giovanni, il protagonista, non si sente pazzo, come succede SEMPRE a chi lo è veramente, ed ha appena letto un manuale di crescita personale che parla delle sinapsi, prova quindi a buttarla “sul preconcetto”
3) Il fratello usa lo sguardo come uno scanner, e visualizza una situazione in cui lui deve sobbarcarsi le spese della famiglia del povero pazzo, per un attimo vorrebbe dargli una testata, infatti si infila il casco, ma poi la botta la da’ al pedale di accensione. Sembra quasi una parodia, il mezzo si allontana “in una nuvola di fumo”. L’ inquinamento, il petrolio, la cattiveria, l’ ottusita’. Eh Eh Eh, si, mi piace
4) Il protagonista rimane solo con se stesso e le sue idee, ripete inebetito la stessa frase, ad un certo punto la folle lucidita’ , forse la pazzia lo sta’ rincorrendo per le strade della vita, Il ricordo struggente del primo successo lo consola, quei momenti di
gaiezza (MI PIACE METTERE ADESSO QUESTO VOCABOLO INUSUALE)
5)Giovanni è sporco ,si è imbrattato di brutto con quella porcheria che ribolle sopra la cella in elettrolisi, per non fare capire alla moglie /carabiniere che è solo un ebete, si inventa questa fregnaccia del risultato raggiunto.
6)Giovanni accampa una serie incredibile di scuse per giustificare un mezzo fallimento, in effetti testimoni dell’ epoca dichiarano che l’ esperimento era arrivato ad una fase di stallo,la cella che viene ricoperta “di stracci” è la parodia della piccolezza, della poverta’ dell’ animo umano quando si tratta di ammettere colpe ed errori piuttosto ci si arrampica sui vetri. L’ esperimento viene abbandonato per tutto l’ inverno.
7)Qui’ l’ autore del pezzo eccelle in una frase di rottura: “A primavera…” stagione della rinascita per antonomasia “……sembrava morta, con mio grande senso di colpa”.Giovanni tenta di farla riprendere con una batteria nuova ,ma vi ricordate cosa dice il Vangelo? “ Non si mette vino nuovo in otri vecchi… “. L’ acqua, in questo passaggio , rappresenta la speranza, perche’ essa è ancora pulita, “inoltre non puzzava affatto” è senza dubbio la prova che quell’ acqua nella cella sia veramente particolare.
8)In questo punto l’ autore del racconto ci ‘ mostra una scena dove nella mente di Giovanni entra la luce, che, dato il personaggio piuttosto tecnologico, si materializza in una sorta di lampadina, probabilmente a led .L’ autore del post ha una idea fulminante, precisa. Puo’ usare questo episodio per fare pubblicita’ alla sua attivita’di costruttore di strumenti orgonici ed ighiniani. Ci prova, conosce la potenza di questi mezzi e la usa, novello Nettuno fa’ resuscitare l’ acqua con il suo forcone miracoloso.
9) La cella si riprende, non era morta, forse solo assopita dal lungo inverno. Quante analogie in questo passaggio!! Talmente tante che ne nomino solo un paio a casaccio: la fede e la speranza. Le bollicine di energia, rappresentano la “rotondita’”dell’ evento che si innalza verso il cielo, portando la buona novella cola’ dove si conviene.
10)E.R.I.M. Ed Elios, ,i due strumenti costruiti dall’ autore del post, sono strumenti che riportano l’ armonia, il ritmo, risvegliano la vita, proteggono da ogni sorta di inquinamento elettromagnetico, creando una cupola di protezione, riordinando l’ etere, ma per dire queste cose bisogna metterla sul ridere. Per info e acquisti guarda in alto a destra.

Annunci

Read Full Post »